Cronaca di una festa d’autunno

Lautunno è sempre stata la mia stagione preferita. Il tempo in cui tutto esplode con la sua ultima bellezza, come se la natura si fosse risparmiata tutto lanno per il gran finale. Non ho mai pensato di avere paura dellautunno”. Le parole dello scrittore Lauren de Stefano raccontano una stagione particolare come l’autunno.  Lasciata la calda estate alle spalle Villa Santa Caterina si prepara a abbracciare ancora più forte i propri ospiti e a tenerli sempre attivi e gioiosi con le nostre feste a tema in attesa del Natale.

La festa dautunno svoltasi  nella nostra Casa di Riposo, organizzata dal gruppo dell’azione cattolica adulti e il gruppo A.I.U.TA, ha ospitato il famoso tenore Girolamo Binetti , diplomatosi presso il conservatorio di Piccinni di Bari con all’attivo circa 2000 concerti in tutta l’Italia Meridionale. Con la sua voce imponente e emozionante ha incantato i nostri ospiti interpretando opere famose come  E lucean le stelle dall’opera Tosca e nessun dorma dall’opera La Toutandot!

Durante i balli e la musica, una presenza familiare nella nostra struttura  ha festeggiato l’arrivo del primo freddo con i nostri cari anziani, la signora Lidia Marazzi “patron” di Villa Santa Caterina dal 1960.Un caloroso applauso ha accolto la signora Lidia che ha partecipato attivamente alle danze e con la sua presenza ha riscaldato il cuore dei residenti e dello staff della struttura.

L’entusiasmo poi  ha contagiato i parenti e gli amici che hanno degustato un prelibato buffet di dolci preparato dalla nostra sapiente cucina sempre attenta  a soddisfare i gusti di tutti e a rendere felici i nostri ospiti. Le nostre  famose torte hanno allietato e incoraggiato anche i più timidi a iniziare le danze facendosi travolgere dalla musica che come in ogni festa ha un forte impatto emotivo sui nostri residenti.

L’utilizzo della musica mira a sviluppare le funzioni potenziali e/o residue dell’individuo in modo tale che questo possa meglio realizzare l’integrazione intra- e interpersonale e di conseguenza possa migliorare la qualità della vita grazie a un processo preventivo, riabilitativo  diventando quasi terapeutico.

Intonando la musica classica dei tempi passati  come Romanze celebri e musiche classiche napoletane, i nostri cari anziani assaporano il tempo passato, si emozionano rievocando ricordi romantici e legami affettivi  che tengono in moto la loro intelligenza emotiva e migliorano il  loro stato psicofisico.

I luoghi di ogni giorno durante queste feste diventano pista da ballo per condividere momenti con parenti in visita e con gli altri amici della residenza. Tutto lo staff è presente  in questi particolari momenti dell’anno per condividere la gioia e l’entusiasmo travolgente dei partecipanti .

La direzione organizzativa si esprime in merito:

la nostra volontà è quella di rendere il soggiorno nella nostra struttura come  un percorso pieno di opportunità  e di  momenti gioviali, i nostri  Ospiti devono sentire il calore di una casa e laffidabilità di una struttura a impianto sanitario, pronto a far fronte a problematiche mediche e di assistenza sanitariaCi mettiamo professionalità ed amore in tutto quello che facciamo, studiando con attenzione le esigenze soggettive dei nostri ospiti che entrando nella nostra struttura incontrano uno staff creato ad hoc  per aumentare  o mantenere le capacità fisico-cognitive di tutti

Aspettando la festa di Natale ci godiamo la luce negli occhi dei nostri cari che il giorno dopo la festa hanno fatto colazione canticchiando le canzoni dei loro tempi, rimanendo in questo modo attaccati fortemente alla loro vita. E noi da buoni compagni di viaggio non possiamo che esserne fieri…